Dario Fociani

 

tecniche e sistemi del pianeta Terra

male porta male
e
bene porta bene 
e
via dicendo. 



added 18/5/2016

Quando sono nervoso... e

L'ossessione è qual è?

L'incomprensione ti guarda fra le pubblicità
del televisore, ti domandi come
possa l'ego comandare;
il sergente indossa il berretto
mentre urla e
la sua saliva mi lapida,
l'eruzione del peccato capitale
inonda la mia faccia
di rabbia;
chi non vorrebbe migliorare se stesso
scagli la prima pietra,
vorrei che la luce portasse ai tuoi occhi,
del mio riflesso, il buon umore che la vista di smeraldi e diamanti
già intagliati... mi fermo, c'è un ma. un solo ma. MA è molto grande.

Lei non è qui e io non ho motivo
di aspettarla né di chiedere
cosa la porti a non considerarmi il migliore,
perché quando poi io tento
l'unico evento che nel mio cervello
ha luogo è il dimenarsi di
elucubrazioni poco lucide sulle sette miliardi
di menti pensanti e di corpi viventi
che in sintonia agitano i loro organi interni
sulla terra della Terra di cui loro stessi
fanno parte e che olisticamente non solo li contiene,
se tutto continuamente esiste
la morte ha un odore paradossale di fantasma,
la trasparenza che inganna e il lenzuolo
che asciuga l'ultima lacrima
di un pianto che non bagna, ristagna
in me da quando ho compiuto cinque anni
e ho iniziato a capire la sequenza fono alfabetica
delle parole,
e ora solo ora, ripenso al fatto che stavo parlando di Amore
e ancora una volta sono caduto nelle mie solite
filosofiche digressioni digrignanti,
sono un essere speciale,
ho il potere di immaginare mille futuri apocalittici e
e sorridere al peggiore dei miei passati,

la bilancia vomita quando fra noia e paranoia
l'equilibro si agita,
le mie ali da artista rimangono aderenti al porto della poca confidenza,
temporanea copertina rilegata a pagine di
superiorità mai attestata, approvata, conclamata
eppure
(un altro difetto!) casualmente percepita
come quest'anima che mi costringe
a rinnegare talvolta la mia carta d'identità
e guardarmi al confronto dell'infinito e del continuo esistere,
mi domando che senso ha obbedire
ai sistemi imposti dall'alto,
quando dietro e davanti a noi c'è l'eterno spazio,
l'eterno tempo. 

Lei è lontana eppure meno lontana dell'infinito,
cosa è questa sensazione di nostalgia
per qualcosa di così vicino,
di addirittura vivo nel mio stesso tempo,
non c'è nulla di più vicino,
tu credi nell'anima gemella? 
Le mie sono due, una è nata settantamila anni fa,
una adesso ma vive nel deserto
e
la mia mole egoistica paranoica
mi porta a odiare qualsiasi cosa mi renda
dipendente dalla sua felicità,
io ho già problemi con la mia serenità,
non è tempo di garantire nulla a nessuno,
mi dice la mia festosissima coscienza
che è allegra come Nagasaki nel '46,
perché le paure dopo le tragedie portano stati misti di coscienza,
euforia e terrore,
il karma che non ti calma,
sto tentando di cercare, sto tentanto di ricercare,
perché né la scettica scienza né la bigotta religione mi convince,
ma poi trovi l'amore,
quello che ti guarda con un po' meno amore di quello con cui tu lo guardi,
la deconcentrazione a cui ti sottometti,
nel rancore verso te stesso,

ti abbandoni. 



added 4/5/2016

Treni che passano

Giorni di trepidante accesa
e minestroni sul fornello,
la ricerca spirituale è faticosa
piena di contraddizioni e vicoli ciechi
e metafore semantiche incomprese,
la tranquillità è di colore giallo
e inseguo la speranza della verità
come un dobermann insegue una farfalla
che vola senza chiedersi come.

L'insuccesso pedagogico della società
è voluto
e intrepidi ignoranti, coccolati dalla propria ira,
dal caporalismo familiare
e dall'educazione lontana come lontana è la Mongolia dal mare, 
hanno in mano la bandieruola, la gita segue,
i vecchi parlano di quanto è bello il mare,
i giovani fischiano al culo delle signorine,
la mezz'età prova ad arrabattare il possibile
sotto le minacce dei fantasmi del futuro presente da vivere.


Lo Stato non si permette
di entrare a bussare, coinvolto dalla eremitismo mafio-religioso,
e il mondo avrebbe solo bisogno
di buon senso per essere un paradiso,
dalle valli passano alcune voci in eco
gridano morte o rivoluzione, morte o rivoluzione,
altri chiedono agli altri
solo di comportarsi bene,
vedrete,
tutto cambierà,
solo se vi comportate bene. 



added 3/5/2016

Servizio di leva

Degustare è un'attività
(può rimanere difficile da digerire)
molto spirituale,
analizzare la connessione mentale
alle nostre parti corporee per
deframmentare le zone sensoriali
di un cibo o di una bevanda
e ricavarne una complessità di sapori
in grado di rimanere in mente
ed essere riconosciuta successivamente.

Ottimo.

Non il servizio di leva militare
ma in un ristorante o in un bar o in una trattoria,
a imparare cosa vuole dire servire (con il sorriso)
a imparare cosa vuole dire essere (dall'altra parte), 
questo sì sarebbe
nel mio governo,
obbligatorio. 



added 24/4/2016

divano bruciacchiato, tv spenta, animo simil pelle

Quindi, amare ogni mattina 
diviene elemento imprescindibile,
ogni inizio è,
ogni splendente stella affidata alla tua galassia,
ogni ardita immaginazione riguardo la futura
giornata, tanto facile mi viene
la discriminazione verso gli istigatori d'odio,
i violenti,
gli ignaramente repressi
nella loro mancanza di disciplina spirituale
e il loro astio verso il medesimo gigantesco ego che li domina
si avvicina al mio per loro,
si avvicina un prete alla mia idea di loro,
gli grido: ateo!
Dove è la tua ricerca interiore,
tu che segui dottrine scritte e non ti sei mai domandato
quando e dove,
dove è la tua benevolenza verso il creatore
che dalla mia falsa modestia ammetto
di essere sicuro, richieda ben altro per le sue grazie
e molta più rinuncia e molta meno disillusione.
La vita è al centro di tutto e la casualità è rara
anche nel business, figurati nella fisica,
che è scienza esatta seppur, a dispetto di quel che si dica,
non arrivata.



added 18/4/2016