Dario Fociani

 

Aspettative

In alto
e
in basso,
l'uomo è cellula dell'universo
e
onda del tempo,
il male regge il bene
si alternano fino agli estremi
a mo' di pendolo,
la visione verticale delle cose,
appare inutile preoccuparsi,
il faro è davanti,
ho il sorriso ben stretto alla vela. 



added 20/8/2016

thinking to

Intelligence takes to loneliness.
god
alone God,
I wish you
the best
as a cell
wish the best for its body.

Above any love or suffering: you. 



added 9/8/2016

Contemporaneamente

Seeds of sight
growing on my eyes
deep brain roots
merge human body and wood,
loud voices talking about
childhood pains,
lives pass me the strain
as a clumpsy umbrella
for crazy cryed yells
which are keeping here raining
on us.
 
Il falso idolo tribale
del tuo stato mentale attuale,
la zingara sorride
guardando la tua carta astrale:
sapessi il volere degli déi
che faresti?
La gloria, il rispetto, l'indipendenza
da me,
la conoscenza del sé
ci inganna, disconoscersi nello specchio
sarà la nuova moda del tremila

l'allineamento chirurgico facciale
nell'aria una memoria trema,
una psicologa sotto stress si domanda
about ego and dinosaurs,
il triceratopo aveva un'anima senziente
e paura della morte?
Un medico volontario inventa la storia
del verme innamorato
fregandosene della validità scientifica
a un bambino che morirà di lì a poco. 

The end. 



added 8/8/2016

esercizio fine luglio

Ambasciatore non porta pena
disse il bossolo
mentre si paracadutava da un caricatore
agitato:
basta me ne vado
disse un novero di neuroni
non contenti della riunione condominiale
e scossi dall'attentato
commesso da un ictus nell'altro emisfero
cerebrale,
gli alieni hanno raccomandato
il suicidio
come forma di esperienza superiore,
l'unico modo di uscire dal piano fisico esistenziale
con onore,
la ricompensa è una reincarnazione privilegiata,
le palle di prendere in mano la propria vita
e premere il grilletto sulla propria tempia,
altro che stronzate da vecchio bastardo,
ci vuole di più a rimanere in vita un cazzo,
sentilo il freddo del metallo,
la canna vuota di sentimento;
appoggialo bene sull'abitudine decennale del tuo vivere,
sul tuo quotidiano sentimento,
sul tuo giornaliero dormi veglia
dal quale la società ti spoglia: sei una merda, sei una merda, sei una merda,
urla una donna da un balcone
a un tipo che uscendo dal portone
svagheggia.

Gli alieni hanno sconfitto gli estremisti religiosi
tirandogli dietro sette quintali di confetti,
hanno eliminato ogni cartellone pubblicitario
e ci hanno infilato dentro un motivazionale:
l'amore socialista e liberale ti darà la forza
per affrontare la tua intelligenza fascista
che se avessi studiato sapresti a che forma retorica
la mia poesia si riferisce,
la tua pupilla si rimpicciolisce, sbiadisce,
l'intelligenza è a sinistra, mi ripete lo zio che non ho mai avuto,
mio nonno si alza dalla sedia, si toglie una crosta dalla testa,
ammazza una zanzara poggiata sul suo ginocchio,
che non aveva ancora iniziato a succhiare,
in fondo la natura è di destra,
si lava le mani del sangue di chissà chi. 



added 30/7/2016

concertino

Dududum,
il cantante rovescia il microfono in gola,
l'onda d'urto
muove leggermente i capelli
delle donne in prima fila,
la colonna sonora
della tua vita,
potessi sceglierla ora,
un violino,
una chitarra elettrica,
una tastiera, un laptop e un dj,
il viso di lei
sorride a fasi alterne,
gli occhi miei
sono luci da lanterne
e il buio sovrasta,
la batteria ti ricorda
l'importanza del ritmo,
tu cosa cerchi? 



added 25/7/2016