Dario Fociani

 

Il pianto di disperazione di una persona confusa

Quando il gin tocca il vermouth
e oscilla la sanità iniziale,
la paura è anormale,
la voglia che lei sia solo tua,
stata sempre tua,
un colpo di pistola alla forchetta
che tenta di entrare nella sua bocca,
hai sbagliato mira!

Il mondo ha un colore bianco,
le luci dell'universo come si sono create?
chi ha ideato le leggi e da quale meditazione
sono spuntate,

perché restano uguali in eterno?
Lo zapping mentale è estremo,
il forno del sentimento brucia fortissimo,
dovresti smettere

dice la tua coscienza, che davanti ha un assortimento
di droghe a partire dal porno che scorre
come se nessuno stesse guardando.

Sono solo segnali elettrici questi scritti,
la scienza conferma,
non esiste nient'altro,
solo segnali elettrici sono questi scritti. 



added 21/6/2016

Conato

Solo Dio sa.
Solo Dio sa.
Solo Dio sa.

E nella perpetua ignoranza
il mendicante di ansia
sperpera la propria gioia.

Ferma la tua sete.
Usa la tua mente,
nessuna realtà potrà mai superare

le barriere dell'auto controllo,
esistere nella irreale percezione,
fuori asse rotola l'universo.

Amore amore amore amore
che sempre appari simile
e pelle tua muta sotto gli occhi

e un incantesimo tramuta
il movimento in niente, in un fermo immagine
nostalgico dove anche il bianco e nero

ha un profumo giallognolo
di carta bruciata, amore urlami contro
l'odio per le mie morali paranoie,

grida l'innaturale etica fuori dal mio corpo,
trasforma questo essere in un animale
da divertimento insensato, la pazzia,

la pazzia, you crazy, she said,
la pazzia, di quale attorcigliamento dei cinque sensi
ha bisogno, la pazzia, per esistere?

Io ti penso e ti amo e ti odio,
tutto è differente solamente nel grado,
gli estremi si toccano,

esplode il mio senso di vuoto. 



added 21/6/2016

Zan zang

Come può un cassonetto della carta
vivere accanto a un cassonetto dell'umido
si chiese la campana del vetro
distante qualche metro
dall'altra parte della strada.

L'incomprensione conviviale
del ventunesimo secolo 
in un angolo di Montesacro,
la vecchia col cane che piscia,
il gatto randagio che passa e

il topo che sgattaiola,
il tossico che sbratta
davanti la ragazzina che torna a casa da scuola,
due innamorati in macchina
suonano all'amico circondato dalla calca in un bar. 



added 19/6/2016

To myself, to yourself and to her

so she's singing
(and her voice is sweet like dates on summer)
under the shower and you watch a bee
dying in your living room,
stare the dance.

stare the dance.

Being lucky is a hard job,
you should always meet brave people
or morally correct,
not always together
but both bring luck.

And luck is a duck you need to catch (sometimes, shoot!).

Unlucky when you meet scary scared ones,
they keep change still and their breath is heavy,
they prefer to let things swing away
than risk the movement,
wind once tried and all died.

(then a new big bang, eternity flew again)

Smile, oh you smile at the sadness
and spit on social convention,
babylon always tries to get your eyes unconfident
to enhance gravity creating black holes,

you

be light and shine. 



added 16/6/2016

pensiero #76577

Non prodigarsi nello studio
della musica
e della filosofia, fisica,
non rovina solo gli altri,
se stessi
soprattutto,

rotoli di piacere
grasso adiposo di estasi,
la gioia di una merendina
a otto anni,
conoscere la struttura mentale
della realtà;
le finestre del mondo
si aprono,
giungono a Lui
nel livello di piacere: piacere, esibire la curiosità
come quoziente. 



added 11/6/2016