Dario Fociani

 

presa visione essenziale #2

presa visione del binario,
fu l'orizzonte a rendermi curioso,
da ambo i lati, terra e mare, scorrevo. 

Il vuoto ha la durata di un impulso nervoso,
il tempo è argomento degli organismi senzienti,
i sassi confondono uno ieri

con cento mila miliardi di anni.



added 28/1/2018

Presa visione del binario,

Presa visione del binario,
fu l'orizzonte a rendermi curioso, da ambo i lati,
mentre scorrevo.

Io credo un giorno arriveremo
a capire,
scientificamente provare,
che all'avvio dell'universo
susseguì subitaneamente la fine
e tutto il tempo
e tutto lo spazio
e il presente (ora e ora e ora)
e il futuro (che è già passato)
e il passato (che sarà futuro)
è solamente una percezion
e.

Umana.

Inizio e conclusione,
come un libro che seppur da leggere
è nel demiurgo già stato letto,
già stato scritto
e là, sopra il palmo destro, si trova,
potrei leggervi l'ultima parola e il punto.

E non lo faccio,
foglio dopo foglio, seguo.

Pazzia libera arbitrio,
coincidenza causale cadenza
arbitrale ricorso,
immagina resuscitassi sempre
nello stesso corpo,
la prossima vita, tu, nel prossimo universo, tu

che in fondo tu rimani,
sono ossessionato e lo ribadisco dal concetto di assegnazione
del corpo al pensiero e del pensiero accorto,
sarebbe più semplice se tu fossi sempre lo stesso morto, rassegnazione.


Il vuoto è un battito di ciglia,
il tempo è faccenda degli organismi senzienti,
i sassi confondono uno ieri

con cento mila anni.



added 28/1/2018

Taciuto

Ho pianto un giorno intero,
ieri,
per le verità mai svelate
che il tempo storico si porta dietro.
Senziente uno: come ci si sente
senza saper niente dell'altro senziente? 
Il mondo che vorrebbe pur solo essere un vetro
per ricordare un riflesso, prevedere un miraggio.

Conoscenza sole e sete, illumina e riscalda, arsura
del sapere, ho bisogno di bere dalle labbra del saggio,
le orecchie dolgono per l'incredibile silenzio
che si veste a bugia e suona una nenia nostalgica al tempo sprecato.

Basterebbe una compagnia per confrontarsi,
un novero di uomini e donne con la sola intenzione unica e unita
di espandere doglie e voglie, mentre a casa ci aspettano marito e moglie,
le spoglie nudità del vero ci esimano dal contorto pensiero del non lucido,

del menzognero.

Quanti giorni son passati e quante onestà mai dette,
ho pianto tutto il giorno, ieri
e per smettere mi sono raccontato una buona bugia.



added 11/12/2017

Quanti sono due secondi

Quanti sono due secondi nell'universo,

un minuto di vita, castrata

dalla stupidità politica e dalla collusione

nel rasoio di Occam l'esistenza è un incidente,

una coincidenza e un'illusione,

e noi qui a sbattere e sbraitare

ad accettare società lontane dalla realtà attuale.

Lo specchio mi assolve, mi guarda, mi chiede:

che dovremmo fare?

Tutto c'è invece di non esserci e dovremmo già ammirare,

tentare di dare...



added 22/11/2017

16 St Kilda

le anche del mio cervello rassegnate

l'hula hop mentale

la musica, vedere e girare

l'importanza irrazionale della relazione

fantasticherei se potessi

se Tu volessi,

missioni e missioni compiute ogni giorno

da esseri umani che filano maglioni di lana 

e ignorano di essere tessuto, ago e mano,

non forza sforza il destino

è un tram,

invano.



added 10/11/2017