Dario Fociani

io non sono più uno scrittore (o in pieno luglio)

Foraggiare l'anima 
al mare
con un libro di scienza
e uno d'amore,
il clima estivo
del felice bagnante
mi colpisce
come un bicchiere di vodka 
immaginato acqua
e le onde sventolano,
come nuotatori toccano
riva
e di nuovo tuffano
le loro ansie di vita
nell'oceano forbito,
foriero della profondità
dell'universo,

poeta osservatore non sei altro,
la leziosità del tuo tentare
mi ricorda
gli esercizi miei nello schivare
la depressione,
guarda avanti e sorridi,
cammina su fogli branditi
dal sangue di tutte le volte
la disperazione ti ha portato
a configgere matite 
alle tue tempie
e nasconditi, quando i singhiozzi
saranno alti nel volume
e nella forza
e la gola ti chiederà di farla finita,
perché ogni volta si risorge,
perché ogni volta è più potente
e l'uomo medio
non ama analizzare le tue lacrime,
preferisce porre la sdraio
su una spiaggia affollata,
scoraggiare l'anima
al mare
con un giornale
di gossip.
 



added