Giulio Malcangi

Marmellata in Inglese

Insegna a vivere,
ma non sorride mai.

Col suo libro,
l'unico,
infonde divieti,
per delinear
della libertà
i limiti.

Finge comprensione,
bontà,
investe e si espande.
Gioca con tutti,
pronto a scherzare,
muovendo il polso
ritmando caffè,
serve la sveglia alle persone,
ma non sorride mai.

Si mostra autorevole,
ma autoritario
diventa,
quando la sua inezia
smaschera
la sua stessa mediocrità,
che debole
lo rende.
E si offende.

Rivoluzionario conservatore,
raggira le leggi,
in un mondo
dove vieni a vivere
stanco
di chi le raggirava.

Ma serve la sveglia,
ritmando caffè,
avvitando di polso,
filtri
che non filtrano
questa falsa ovatta,
ma null'altro
che caffé
tostato male,
dalla stessa mediocrità,
che sveglia un mondo
al sapor di bruciato.

La pressione sale,
in millibar,
dinanzi al bar
dove lo zucchero
non cambia
l'amaro
di un caffè sbagliato.
Spacciato ad altri mediocri
per prelibato.

Non saluta.
Non ringrazia.
Le battute cattive
unilaterali,
offendono involontarie,
le persone intorno a lui.
Ma in realtà
non voleva..
non pensava..
non intendeva..
è stressato.

Sempre perdonato
si vanta
nel mattino,
avvolto in una schiuma
che non è crema,
dopo che mediocrità
e ignoranza
hanno fatto l'amore,
concependolo.

Partorendolo
a simbolo
di persona che insegna
ciò che non sa.
Ogni giorno.

Dolce,
violento,
simpatico,
ma non sorride mai.
E incolpa gli altri
del caffé bruciato
dalla sua mediocrità.

Ma in fondo è una brava persona.

 



added