Giulio Malcangi

Scema

 

Caduca foglia,
cadrà
controvoglia,
potata
da Autunno.

E con lei,
nella medesima proporzione,
la mia voglia
di vivere
scema.

Ma Scema
mi chiama.
Dicendo scemenze
scherza.

E della caduca foglia,
e della voglia di vivere,
e di questo pensare,
non 
me ne importa
un fico secco.

Solo che lei
ora
non smetta 
di scherzare,
dicendo scemenze

e che la cornetta
non scemi
nel silenzio.

 
 


added